Skip to content

La caldaia a condensazione puo scaricare a parete


Lo scarico a parete con caldaia a condensazione è possibile, nel rispetto della in sostituzione a una caldaia precedente vale l'obbligo di scaricare a tetto. e q​ueste sono le situazioni in cui si può trovare maggiori difficoltà. che andare a scaricare dei fumi di combustione di una caldaia a parete non composti almeno da una caldaia a condensazione a gas e da una pompa “Il proprietario di un fondo non può impedire le immissioni di fumo o di. La caldaia "sembra" essere a condensazione e lo scarico si trova attaccato alla DI APPARECCHI A GAS SI POSSONO SCARICARE I FUMI A PARETE? Dal 01/09/ lo scarico a parete si può fare solo con le deroghe. 1001recepti.info › /12/21 › distanze-minime-da-balco.

Nome: la caldaia a condensazione puo scaricare a parete
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 41.79 MB

DPR n. Premesso che la norma UNI tratta apparecchi di potenza termica inferiore a 35 Kw e che la norma UNI prevede lo scarico in parete per apparecchi di potenza compresa tra 35 e 70 Kw, il richiamo della sola UNI nega la possibilità di poter installare a parete apparecchi con potenza maggiore di 35 Kw. Gli impianti termici installati successivamente al 31 agosto devono essere collegati ad appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione, con sbocco sopra il tetto dell'edificio alla quota prescritta dalla regolamentazione tecnica vigente.

E' possibile derogare a quanto stabilito dal comma 9 nei casi in cui: a si procede, anche nell'ambito di una riqualificazione energetica dell'impianto termico, alla sostituzione di generatori di calore individuali che risultano installati in data antecedente a quella di cui al comma 9, con scarico a parete o in canna collettiva ramificata; b l'adempimento dell'obbligo di cui al comma 9 risulta incompatibile con norme di tutela degli edifici oggetto dell'intervento, adottate a livello nazionale, regionale o comunale; c il progettista attesta e assevera l'impossibilita' tecnica a realizzare lo sbocco sopra il colmo del tetto.

Per accedere alle deroghe previste al comma 9-bis, e' obbligatorio: i. I comuni adeguano i propri regolamenti alle disposizioni di cui ai commi 9, 9-bis e 9-ter.

Con questa nuova modifica legislativa non c'è più nessun obbligo di canna fumaria al tetto in caso di istallazione di caldaie a condensazione a gas con efficienza 4 stelle e certificate con classe NOx 5. Gli impianti termici siti negli edifici costituiti da più unità immobiliari devono essere collegati ad appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti di combustione, con sbocco sopra il tetto dell'edificio alla quota prescritta dalla regolamentazione tecnica vigente, fatto salvo quanto previsto dal periodo seguente.

Tradotto in parole semplici significa che a partire dal 17 dicembre , giorno di approvazione definitiva del decreto, ogni qual volta si installa una nuova caldaia, sia come primo impianto, sia come sostituzione, non si ha l'obbligo di avere o realizzare la canna fumaria fin sopra il colmo del tetto, solo se si utilizza una caldaia a condensazione con le caratteristiche accessorie richieste dalla legge.

La nuova regola vale in tutti i casi: la semplice sostituzione della vecchia caldaia, la realizzazione di nuovo impianto in un'abitazione precedentemente sprovvista, in caso di distacco della singola utenza dal sistema centralizzato, di trasformazioni dal centralizzato all'autonomo parziale o totale del condominio, ristrutturazioni della totalità dell'impianto termico della singola unità immobiliare o della totalità del condominio, ecc.

Nel nuovo testo di legge non si ritrova più la possibilità delle disposizioni legislative locali più severe e restrittive, per cui la norma dovrà essere attuata nello stesso modo e senza eccezioni su tutto il territorio nazionale.

Sempre fatto salvo il rispetto della norma UNI , che stabilisce le distanze da mantenere nel posizionamento del terminale di scarico. Perché non Scegliere la Pompa di Calore?

Molto spesso fare affidamento unicamente alle deroghe sulle regolamentazioni e sulle normative non porta a benefici certi, ma è paragonabile a un "autogol" personale e nei confronti dei propri vicini. Proprio per questo possiamo adottare varie soluzioni in alternativa allo scarico a parete.

Una di queste è la scelta di installare una pompa di calore, che, essendo classificata come elettrodomestico, non presenta limiti di montaggio o impossibilità tecniche legate a questa normativa. Un esempio?

Vitocal S di Viessmann è una pompa di calore aria acqua che assorbe il calore dall'aria esterna e lo rilascia a un livello di temperatura utilizzabile per il riscaldamento. Questa tipologia di impianto produce tre o quattro volte più energia rispetto a quello che consuma. Chiedi sempre consiglio a un tecnico specializzato.


Articoli simili:

Categorie post:   Ufficio